Come navigare in modo anonimo e proteggere la propria privacy

Giorgio Borelli

Come navigare su internet in modo anonimo utilizzando un server proxy e proteggere la propria privacyOrmai si sà, quello della privacy su internet è un'argomento sempre più scottante, ogni volta che si naviga la nostra privacy è a rischio, poichè si è soggetti ad una vera e propria opera di spionaggio dei nostri dati e abitudini di navigazione da parte non solo di adWare e SpyWare, ma anche dei siti web stessi che visitiamo.

Molti dei siti web che visitiamo, sono in grado di raccogliere informazioni su di noi e tenere traccia della nostra navigazione, scoprendo così la nostra cronologia web, quali acquisti online abbiamo effettuato, navigare nella cache del nostro browser e scoprire il nostro indirizzo IP e di conseguenza la nostra ubicazione geografica. Tutte queste informazioni, possono essere usate per mostrarci finestrelle popup indesiderate, ricevere spam sulla casella di posta elettronica o peggio diventare potenziali vittime di attacchi informatici.

Un modo per proteggersi, e proteggere la propria privacy, è quello di navigare in rete in modo anonimo, rendendosi invisibili e non lasciando tracce del proprio passaggio. Per riuscire a fare questo dovremmo sfruttare un server proxy. Andiamo a scoprire come fare.

Un server proxy anonimo non è altro che un server che s'interpone tra il nostro computer ed internet, in tal modo quando si naviga, il nostro browser (il client) non naviga direttamente il sito web, ma "chiede" al server proxy di navigarlo e mostrarcelo al posto nostro. Il browser, sia questo Internet Explorer, FireFox o altro, non contatterà mai direttamente il sito web, ma navigherà attraverso il server proxy, evitando così di mostrare il proprio indirizzo IP, i propri cookies e la propria cronologia di navigazione. Il sito web vedrà l'IP del proxy e non riuscirà a cogliere pertanto le nostre informazioni. Sfruttando così i server proxy anonimi si è in grado di navigare in internet in modo anonimo e senza lasciare tracce.

Per utilizzare un server proxy, abbiamo due strade, o scaricare ed installare sulla nostra macchina un software che funge da client per connetterci ad un server proxy, oppure sfruttare direttamente uno dei tanti servizi web che mettono a disposizione liste di server proxy anonimi.

Se vogliamo installare un software client per i server proxy, possiamo usare Steganos Internet Anonym, che non solo fornisce un server proxy ma blocca i popup e gestisce i cookie, questo putroppo è a pagamento, potete provarlo per un periodo Trial di 30 giorni, dopodichè se volete continuare ad usarlo dovrete acquistarlo per pochi dollari. Per un software proxy gratuito potete provare invece AnalogX Proxy o ByPass Proxy che bene di adattano ad esigenze di tipo domestico.

 

Per navigare direttamente in modo anonimo dal vostro browser potete invece collegarvi sui siti NoTrace.it, Anonimouse.org, YouAreHidden.com, solo per citarne alcuni, vi basterà inserire nell'apposito campo l'indirizzo web del sito che volete visitare ed otterrete da parte del server proxy la pagina web richiesta, che potrete così visionare in modo del tutto anonimo.

L'utilizzo di un server proxy non solo vi permetterà di navigare in modo anonimo in rete e senza lasciare tracce, evitando fra l'altro anche i bugs del web, ma vi permetterà anche di visitare eventuali siti web bloccati dagli amministratori di rete, se vi trovate ad esempio in azienda o a scuola, se sono bloccati però un motivo ci sarà.

Categorie: Internet | Privacy | Reti | Sicurezza Informatica | Web

Tags: , ,

Commenti (2) -

appoggiarsi ad un proxy gestito da qualche sconosciuto ?

certo, navigo in modo anonimo, ma metto la mia navigazione nelle mani del signore (e speriamo che lo sia davvero) che gestisce il proxy, tutto quello che faccio passa per la sua macchina.
a questo punto mi sorge il dubbio :

è più sicuro che il gestore del sito xx non riesca ad identificare il mio reale ip mentre "signor proxy" saprà vita morte e miracoli, oltre a username e password di tutti i servizi non https (forum, account vari...)

o è più sicuro che solo che il gestore del sito xx sappia che io ho visitato il suo servizio?

Rispondi

Ovviamente posso essere solamente d'accordo con quello che dici.
Come fai emergere dal tuo commento, esiste il potenziale rischio che i nostri dati siano intercettati ed usati dal proxy anzichè dai siti web navigati.

Non credo però ci sia una risposta definitiva su quale dei due sia più sicuro o meno sicuro se vogliamo, credo che molto dipende da ciò che facciamo, ovvero dal sito che intendiamo navigare o dal proxy a cui intendiamo affidarci.
Di sicuro non userei un server proxy anonimo, come quelli citati nell'articolo, per collegarmi al mio conto corrente online.

Grazie del tuo apporto, hai messo in evidenza il lato oscuro dell'uso dei proxy anonimi, torna pure a trovarci quando vuoi.

Rispondi

Pingbacks and trackbacks (1)+

Aggiungi Commento

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading