Il comando tracert

Giorgio Borelli

comando dos tracertIl comando tracert rientra sempre tra i comandi di diagnostica delle reti, assieme al comando ping viene usato dagli amministratori di rete per analizzare host remoti e verificare la presenza di eventuali problemi. Quando desideriamo verificare la raggiungibilità di un server remoto o un computer in rete usiamo il comando ping, questo tramite una serie di messaggi di richiesta e risposta ne verifica la connettività, purtroppo però essendo le reti di calcolatori dei sistemi distribuiti, quasi sempre (a meno di non trovarsi in una piccola rete domestica) tra un computer e l'altro vi sono diversi elementi di rete, quali i router, responsabili degli instradamenti dei pacchetti, il problema pertanto della connettività limitata o assente potrebbe risiedere in uno di questi elementi intermedi. In tal caso il comando ping non è in grado di fornirci informazione alcuna su di essi, invece il comando tracert consente di ottenere inforamazioni anche su detti elementi intermedi.

Tracert così come il comando ping è basato sull'invio e la ricezione di pacchetti di messaggi su protocollo ICMP, detti rispettivamente messaggi di Echo Request e di Echo Reply. Per usarlo basta digitare al prompt del dos il seguente comando tracert host, dove per host intendo sia il possibile indirizzo IP o il nome stesso dell'host da raggiungere, ad es. in questo modo:

tracert 62.149.185.28 +Invio

 come si nota l'uso e del tutto analogo a quello del comando ping, solo che questa volta il comando tracert ci riporta tutti gli IP ed il nome di ogni host per cui passano le richieste ed il tempo impiegato per ogni salto; se l'host a cui facciamo la richiesta non viene raggiunto riceveremo un messaggio di "Destinazioni non raggiungibile", diversamente una volta concluso il suo lavoro, tracert ci mostreà il messaggio finale di "Traccia completata", potete vederne un esempio nella figura dell'articolo, dalla quale si nota che il primo nodo di rete incontrato è proprio il gateway (un router) della mia rete locale che poi mi connette ad internet.

Con il comando tracert è pertanto possibile diagnosticare con relativa facilità eventuali problemi di rete presenti in un router intermedio tra sorgente e destinazione, infatti se un pacchetto impiega troppo tempo per effettuare un salto da un nodo ad un altro della rete, è plausibile che l'errore stia proprio lì.

 

Tracert può essere usato con delle opzioni aggiuntive che ne modificano il comportamento predefinito, le riportiamo brevemente:

  • -d: se usato, il nome dell'host (router) per il quale passa il pacchetto non viene riportato tra la lista delle informazioni;
  • -h valore intero: esprimendo un valore, indichiamo il numero massimo di salti che la richiesta deve effettuare per raggiungere la destinazione;
  • -d valore intero: consente di settare il tempo massimo (espresso in millisecondi) di attesa della risposta (Echo Reply) di una richiesta (Echo Request).

 

Non c'è molto altro d'aggiungere, se non che il comando tracert amplia la possibilità di diagnosi ed analisi di una rete offerta dal comando ping.

Categorie: Reti

Tags:

Pingbacks and trackbacks (1)+

Aggiungi Commento

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading