l' A, B, G del WiFi

Giorgio Borelli

le sigle A, B e G che contraddistinguono le schede WirelessLa moda del WiFi (Wireless Fidelity) aumenta, giustamente poter navigare e condividere le proprie risorse liberamente, senza cavi ingombranti e antiestetici, è una magia che piace a tutti e sempre più persone optano per il Wireless a discapito delle reti cablate con cavi ethernet. Ormai è raro trovare un notebook che non ne sia dotato. La famosa scheda wireless 802.11 è ormai presente nella configurazione di base di tutti i computer portatili e non, ma forse molti non sanno che la tecnologia wireless si differenzia e non tutte le schede 802.11 sono le stesse, queste si differenziano in 802.11 A, B, G.
Voi conoscete quale monta il vostro PC? Conoscete la differenza tra questi standar rappresentati da queste lettere? Oppure semplicemente è bastato che il vostro rivenditore vi abbia detto che il pc montava una scheda wireless per tornarvene a casa soddisfatti.

La tecnologia wireless si basa su tre caratteristiche principali:

  • la frequenza radio utilizzata
  • la velocità di trasmissione
  • il raggio d'azione (hot spot o zona wifi)

Bisogna tenere conto di tutti e tre questi fattori quando si decide di acquistare un dispositivo wireless.

 

Frequenza Radio

Così come le radio usano una determinata frequenza per ricevere e trasmettere musica e notizie, anche i dispositivi wireless si basano sul medesimo funzionamento, limitandosi però a due sole frequenze d'utilizzo: 2,4 gigahertz e 5 gigahertz (GHz). Quello a 2,4 GHz è largamente utilizzato in molti dispositivi di casa, come i cordless, che potrebbero anche interferire con il vostro segnale wireless.

La 802.11a opera a 5GHz mentre la b e la g a 2,4GHz, questo comporta una incompatibilità tra dispositivi di tipo a con quelli di tipo b e g, che invece si integrano benissimo tra di loro. Di contro quelli di tipo b e g sono più soggetti alle interferenze di altri dispositivi che trasmettono onde radio più o meno alla stessa frequenza. Nonostante questo, gli standard B (il primo ad essere immesso nel mercato e la più diffusa) e G sono maggiormente diffusi rispetto ad A e non riescono a comunicare con esso vista la diversa frequenza di funzionamento.

 

Velocità

La velocità di una rete determina quanto velocemente si possano trasferire e condividere i dati fra i computer.

A e G hanno una velocità di 54 Mbps. La G però come detto, ha la tendenza a risentire maggiormente dell'interferenza generata da altri strumenti elettronici che funzionano alla stessa frequenza radio.

La B viaggia invece ad una velocità massima di 11 Mbps, ma raggiunge distanze maggiori rispetto agli altri 2 standard.

 

Raggio d'Azione

Ogni stazione radio ha un'area di trasmissione limitata, soggette alla stessa regola sono pertanto anche i dispositivi WiFi.
La distanza coperta è la caratteristica principale in cui A appare limitato rispetto a B e G. Raggiunge infatti una distanza di poco più di 20 metri dall'antenna trasmittente. La distanza raggiunta da B è invece di quasi 50 metri, mentre G raggiunge distanze comprese tra i 15 e i 30 metri dall'antenna, ma dal momento che condivide la stessa frequenza di B, G è in grado di declassarsi ad un segnale di tipo B quando la G raggiunge il limite della distanza che è in grado di coprire, estendendo il proprio raggio d'azione alla stessa distanza di B, ossia di quasi 50 metri.
Ricordiamo anche che impedimenti fisici, come ad es. muri o anche interferenze dovute ad altri tipi di apparati elettronici, possono affievolire il segnale e ridurre così le distanze.

Molto probabilmente la scheda che avete sul vostro portatile è la 802.11 B, la prima ad essere immessa sul mercato e la più diffusa, subito dopo troviamo la G, vista anche la compatibilità di trasmissione con la B, quindi questi due standard la fanno da padrone rispetto alla A che fra l'altro presenta anche un costo maggiore.

Sicuramente ogni rete deve essere valutata caso per caso prima di essere messa appunto, possimao cmq dire che lo standard G è certamente il prevalente fra i tre, vista la sua maggiore velocità e raggio d'azione e la sempre maggiore diffusione che acquisisce giorno per giorno.

Categorie: Reti

Tags: , , ,

Pingbacks and trackbacks (1)+

Aggiungi Commento

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading